La costituzione di Audiradio Stefano Spadini per UNA, Lorenzo Suraci per ERA, Antonio Martusciello e Raffaele Pastore General Manager di UPA

Arriva la nuova Audiradio presieduta da Antonio Martusciello

Condividi

Ufficializzata la nascita della ‘nuova’ ricerca della Radio. Il presidente del Agcom, Giacomo Lasorella aveva da tempo sollecitato la svolta, che quindi è arrivata riproponendo assetti ed equilibri in linea con la tradizione del mezzo. La ‘saggia’ armonia tra la presidenza affidata ad Antonio Martuscello nel JIC e quella di Ottino a ERA (l’ex TER)

Nasce ufficialmente oggi Audiradio e l’ambizione dei soci – consulenti della comunicazione, editori, spender – è quella di rilanciare la ricerca su un mezzo che è sempre straordinariamente vitale nel nostro Paese, seguito ogni giorno da 35 milioni di ascoltatori.

Antonio Martusciello

La società, in particolare, ha come soci fondatori la nuova ERA – Editori Radiofonici Associati (ex TER) fondata ieri e presieduta da Carlo Ottino (responsabile di Elemedia, gruppo Gedi) , UNA – Aziende della Comunicazione Unite, in rappresentanza delle agenzie media, e UPA – Utenti Pubblicità Associati, in rappresentanza degli investitori pubblicitari.

La costituzione di Audiradio Stefano Spadini per UNA, Lorenzo Suraci per ERA, Antonio Martusciello e Raffaele Pastore General Manager di UPA
La costituzione di Audiradio Stefano Spadini per UNA, Lorenzo Suraci per ERA, Antonio Martusciello e Raffaele Pastore General Manager di UPA

Hanno siglato la costituzione della società ieri Lorenzo Suraci per ERA, Stefano Spadini per UNA e Antonio Martusciello per UPA. Da un Moc composto dai soli editori qual’era TER, con Audiradio si approda alla forma societaria del JIC che comprende anche le componenti del mercato e che era stata indicata dall’Agcom come la più adeguata alla gestione delle ricerche finalizzate alla raccolta pubblicitaria.

Una currency credibile anche nell’era della digitalizzazione

Presieduta da Antonio Martusciello, la nuova Audiradio sarà chiamata a guidare un progetto di rilevazione che dovrà garantire per il prossimo anno la nascita della nuova indagine, con metodologie e tecnologie capaci di garantire equilibrio tra la necessità di dare continuità alla currency e registrare i variegati processi di evoluzione legati alla digitalizzazione dei media da un lato e dei cambiamenti delle modalità di fruizione dei contenuti dall’altro.

Ai soci di Audiradio e ai suoi vertici, in sostanza, spetta ora il non semplice compito di sviluppare un sistema davvero capace di dare conto anche dei numeri prodotti dai touchpoints, non solo digitali, con cui protagonisti del mezzo radio ingaggiano le loro community.