G7, Papa Francesco a incontro su AI. Meloni: suo decisivo per quadro norme

Condividi

Per la primavolta un papa al vertice che riunisce Italia, Stati Uniti, Canada, Francia, Regno Unito, Germania e Giappone.

Per la prima volta un pontefice prenderà parte al G7. L’annuncio è arrivato dalla premier Giorgia Meloni ed è stato successivamente confermato dalla sala stampa vaticana: Papa Franesco sarà all’evento di Borgo Egnazia in Puglia, a metà giugno, dedicato all’intelligenza artificiale.
La partecipazione del papa, “in presenza”, come precisato dalla Santa Sede, è in programma durante la sessione dedicata all’intelligenza artificiale aperta ai Paesi non membri, la cosiddetta ‘Outreach’.

Meloni: da Papa contributo decisivo

La presidenza italiana del G7 “intende valorizzare il percorso “promosso dalla Santa Sede” sull’Intelligenza artificiale con la “Rome Call for AI Ethics” e “portarlo all’attenzione degli altri leader in occasione del vertice in Puglia”, ha sottolineato Meloni nel videomessaggio in cui ha ufficializzato la partecipazione di Papa Francesco.
“Sono convinta che la presenza di Sua Santità darà un contributo decisivo alla definizione di un quadro regolatorio, etico e culturale all’Intelligenza artificiale”, ha detto ancora la premier.

“In molti, e non a torto, ritengono” che l’avvento dell’Intelligenza artificiale sia “la più grande sfida antropologica di quest’epoca”, ha detto ancora Meloni, definendola “una tecnologia che può generare grandi opportunità ma porta con sé anche grandi rischi, oltre a incidere inevitabilmente sugli equilibri globali”. “Il nostro impegno è quello di sviluppare meccanismi di governance per garantire che l’IA sia incentrata sull’uomo e controllata dall’uomo, ovvero che mantenga al centro la persona e abbia la persona come suo ultimo fine”.
Secondo Meloni, “è una sfida che nessuno di noi può pensare di affrontare da solo e io penso che sia fondamentale valorizzare il meglio della riflessione etica e intellettuale che in questo ambito si sta sviluppando”, ha chiosato.

L’attenzione di Papa Fraceco sull’AI

L’intelligenza artificiale è al centro delle attenzioni di questo pontificato, nella consapevolezza che è una grande opportunità, dalla sanità alla formazione, ma anche un passaggio che va governato.
Francesco stesso ne ha parlato anche in due documenti quest’anno: il Messaggio per la Pace del primo gennaio e il Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni sociali.