Nella scheda scrivere solo Giorgia è consentito ma per i giuristi rischio ricorsi

Condividi

“Chiedo agli italiani di scrivere sulla scheda il mio nome, ma il mio nome di battesimo, scrivete sulla scheda Giorgia, perché io sono e sarò sempre una di voi”. Dal palco di Pescara, dove ha annunciato la sua candidatura alle Europee come capolista in tutte le circoscrizioni, Giorgia Meloni ha invitato gli elettori a scrivere sulla scheda solo ‘Giorgia’. A spiegare il perché e a fugare ogni dubbio sulla scelta è stato poco dopo il ministro per le Politiche agricole Francesco Lollobrigida, che, al termine dei lavori della kermesse Fdi, ha spiegato che, sulla scheda per le Europee, “ci sarà scritto ‘Giorgia Meloni detta Giorgia’”, chiarendo quindi che le schede che riporteranno solo il nome di battesimo della premier saranno perfettamente valide.

“È una possibilità che la norma dà proprio per semplificare il concetto”, ha chiarito il ministro. Una possibilità, quella dello pseudonimo elettorale, usata più volte anche in passato. L’esempio più noto è quello dello scomparso leader dei Radicali, che sulla scheda elettorale compariva come “Giacinto Pannella detto Marco”. Più di recente, nell’elezione che lo ha incoronato sindaco di Milano, Sala ha usato sulla scheda “Giuseppe Sala detto Beppe”. Ha aggiunto invece il solo nome di battesimo proprio come farà la premier una candidata delle liste di Carlo Calenda alle comunali di Roma del 2021, “Cecilia Frielingsdorf detta Cecilia”.

Non c’è norma che la vieti, ma la mossa di Meloni per diventare “solo” Giorgia nel seggio elettorale si espone a una bocciatura da parte dei giuristi. E al rischio di contestazioni. Anche sul filo dell’ironia, come fa il costituzionalista della Sapienza Gaetano Azzariti a Repubblica: «Solo Giorgia? E se c’è un’altra Giorgia che fanno? Saranno costretta a eliminarla? Vietate tutte le Giorgia dentro FdI? Già questa è una discriminazione e una lesione di un diritto fondamentale…».