TikTok a rischio anche in Ue? Von der Leyen: bando non è escluso

Condividi

“Conosciamo la sua pericolosità”, dice la presidente della Commissione Ue uscente. Social replica “timori infondati” e cita le misure prese per la sicurezza

Non solo l’America: perTikTok potrebbe aprirsi anche un fronte europeo. A delineare lo scenario la presidente della Commissione Ue uscente e Spitzenkdanidat del Ppe Ursula von der Leyen nel corso del dibattito di Maastricht per le Europee.

“Non è escluso che TikTok sia bandito”, ha detto rispondendo a chi chiedeva se l’Ue potesse imitare gli Usa dove è stata approvata una legge che prevede la messa al bando della piattaforma se non si separerà dalla società madre ByteDance. “La Commissione è stata la prima istituzione a vietarlo nei cellulari dei nostri funzionari, conosciamo la sua pericolosità”, ha ricordato von der Leyen

TikTok replica: timori infondati

A distanza di qualche ora è arrivata la replica dal social cinese. “Sono timori infondati e basati su convinzioni fondamentalmente errate”, ha fatto sapere la piattaforma, ricordando che “è già pronto” un investimento da 12 mmiliardi di euro “nel prossimo decennio nel Progetto Clover, un’iniziativa all’avanguardia nel settore per rafforzare ulteriormente la sicurezza dei dati”.
“Il nostro primo data center irlandese è attivo, esperti leader nella cybersecurity come Ncc Group sono stati nominati provider indipendenti per la sicurezza e hanno iniziato il loro lavoro per fornire controlli e verifiche autonomi”, ha ricordato ancora la piattaforma, attraverso un portavoce.

La situazione in America

Intanto, dall’altra parte dell’Oceano, ricordiamo, in base alla legge approvata dal Congresso e avvallata dal presidente Joe Biden, il social ha 9 mesi di tempo per affrancarsi dalla casa madre cinese ByteDance per evitare il blocco nel paese. Alla base i timori per la sicurezza nazionale e di un’ingerenza di Pechino nei contenuti mostrati agli utenti Usa.

Analisti ed esperti del settore americani, segnalava AdnKronos, ritengono però che in realtà potrebbero passare anche diversi anni prima che il possibile bando possa entrare in vigore, considerando anche ce ByteDance, come è scontato, avvierà una battaglia legale.