Lavoro, Mattarella: serve buon uso dell’AI, salvaguardando creatività

Condividi

Il lavoro è alla base “della’identità democratica” italiana, dice Mattarella alla vigilia del Primo Maggio. Invitando il paese a essere protagonista della transizione ambientale

Il lavoro “senza l’apporto della creatività umana sarebbe privo di consistenza e di qualità”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alla vigilia del primo maggio.
In visita in Calabria, in un piccolo tour tra Mongrassano e Castrovillari, accompagnato dalla ministra del Lavoro Marina Calderone, Mattarela nel suo intervento ha dedicato ampio spazio al valore del lavoro e alle implicazioni che le nuove tecnologie possono avere su diesso.

Lavoro “elemento base della nostra identità democratica”

“Domani è Primo maggio. Festa del Lavoro. Dunque Festa della Repubblica, che i costituenti hanno voluto fondare proprio sul lavoro”, ha detto, ricordando come il lavoro sia “un elemento base della nostra identità democratica”.
Ma è anche, ha rimarcato, “legato, in maniera indissolubile, alla persona, alla sua dignità, alla sua dimensione sociale, al contributo che ciascuno può e deve dare alla partecipazione alla vita della società”. Per tanto: “il lavoro non è una merce”, ma “ha un valore nel mercato dei beni e degli scambi. Anzi, ne è elemento essenziale”.

“Proprio la connessione con la realizzazione della personalità umana – ha aggiunto Mattarella – conferisce al lavoro un significato ben più grande di un bene economico; lo rende un elemento costitutivo del destino comune”.
“Oltre trenta anni addietro, ha spiegato, qualcuno aveva ipotizzato la ‘fine della storia’, ampiamente smentita dagli eventi successivi. Oggi si sente parlare di ‘fine del lavoro’ come traguardo di modernità. In realtà viene, da taluno, ipotizzata, più che la liberazione dalla fatica, la sostituzione dell’imperfezione umana con macchine e tecnologie, sino all’intelligenza artificiale, ritenuta in grado di azzerare ogni errore”.
“In realtà, in quella prospettiva – ha concluso – si configura la rimozione dell’immenso e insostituibile valore della creatività. Uno scenario che raffigura una limitazione alla libertà della persona umana nel suo profilo più affascinante: il pensiero, la sua opera. Non un sogno, quindi, ma una prospettiva allarmante e, in realtà, estranea al buon uso dei preziosi benefici recati dai risultati che la scienza consegna all’umanità e, tra questi, quello della cosiddetta intelligenza artificiale”.

“Gli straordinari progressi della scienza e della tecnica per migliorare la qualità e la sostenibilità dei prodotti e dei servizi, devono essere sempre indirizzati alla tutela dell’integrità delle persone, dei loro diritti. A partire dal diritto al lavoro. Il lavoro deve essere libero da condizionamenti, squilibri, abusi che creano emarginazione e dunque rappresentano il contrario del suo ruolo e del suo significato. Fattori che rappresentano pesanti impedimenti al cammino dell’intera società”, ha aggiunto ancora.

Italia sia protagonista della transizione ambientale

In un altro passaggio del suo discorso, Mattarella ha parlato anche della necessità di tutelare l’ambiente, guardando sopratutto alla sua connessione con il settore agroalimentare.
“La valorizzazione della produzione agricola sia strettamente connessa e integrata con il rispetto del valore della terra, con il riequilibrio ambientale”, il suo invito. “Agricoltura e ambiente vanno di pari passo: è il settore primario. La sostenibilità rafforza i prodotti, migliora i territori, dunque la vita delle comunità. Più alti standard nella sicurezza, nell’impatto sul suolo, sull’aria, sulla qualità degli alimenti, accrescono il benessere, la vivibilità”.
“Occorre inserirsi con sagacia nelle direttrici che hanno valore strategico per il futuro dell’Europa. La transizione ambientale e quella tecnologico-digitale richiedono di essere pronti agli appuntamenti. Abbiamo la capacità di guidare e progettare i processi di innovazione: possiamo averne l’ambizione. L’Europa – e in essa l’Italia – deve essere protagonista a livello globale”, ha chiosato.