Massimiliano Allegri e Guido Vaciago

Allegri vs. Vaciago. Figc apre inchiesta, ma poi arriva la pace

Condividi

L’Allegri furioso del dopo partita con l’Atalanta in Coppa Italia, già multato e squalificato e a rischio esonero anticipato, avrebbe insultato e aggredito anche il direttore di Tuttosport, Guido Vaciago. Che dopo la ‘smentita’ del coach sulla ricostruzione della vicenda fatta da ‘Max’ per tramite avvocato, ha contro replicato citando i testimoni. La Federazione ha aperto un’inchiesta, ma poi tra i protagonisti della vicenda è arrivato il chiarimento

Il turbolento post partita di Atalanta-Juventus, con Max ‘Mad’ Allegri protagonista, ancora in primo piano. Tra i bersagli degli sfoghi dell’allenatore – nelle ricostruzioni delle fasi più concitate del post gara – c’è stato anche il direttore di Tuttosport, Guido Vaciago.

Apostrofato come “direttore di M…” da Allegri. Vaciago ha raccontato di essere stato “strattonato e spintonato” e infine minacciato dal coach. Che gli avrebbe detto, tra le altre cose: “Guarda che so dove venire a prenderti. So dove aspettarti. Vengo e ti strappo tutte e due le orecchie. Vengo e ti picchio sul muso”.

La smentita di Allegri

Allegri ha però il giorno dopo smentito la versione del direttore di Tuttosport, con una dichiarazione diffusa dal suo avvocato, Paolo Rodella, all’ANSA, che negava “integralmente” la ricostruzione dei fatti di Vaciago.

Secondo Allegri, c’era stato “un acceso alterco verbale col Direttore, dovuto alla concitazione del momento, nel corso del quale entrambi si sono vicendevolmente insultati ad alta voce”. Ma “nessuno spintone, nessuno strattone e né, tanto meno, nessuna minaccia”. 

La versione di Vaciago

Vaciago ha poi contro replicato: “Vengo accusato di aver dato una ricostruzione ‘falsa’ dei fatti accaduti nello Stadio Olimpico, mercoledì sera. Tutto ciò è forse ancora più grave dell’accaduto che, per quanto mi riguarda, faceva già parte del passato e sul quale sono costretto a tornare”.

Il giornalista ha ricordato che la scena si era svolta sotto gli occhi di parecchi testimoni, “fra cui il dirigente responsabile Broadcast della Lega Serie A, Manuele Tigani, che più di ogni altro si è prodigato per fermare Allegri; Gabriella Ravizzotti dell’Ufficio Stampa Juventus; almeno due steward dell’Olimpico; un rappresentate delle forze dell’Ordine e tre giornalisti”.

Guido Vaciago

Sulla scorta di quanto stava emergendo, la Procura della Figc ha aperto un procedimento versus Allegri – già multato di 5000 euro e due giornate – anche per le presunte minacce subite da Vaciago da parte dell’allenatore. Ed erano previste audizioni di entrambi i protagonisti e dei presenti all’episodio.

Massimiliano Allegri (Foto Ansa)
Massimiliano Allegri (Foto Ansa)

Ma poi – con una dichiarazione congiunta rilasciata all’Ansa – allenatore e direttore hanno sancito la pace ritrovata. Si avverte che dopo essersi parlati hanno risolto “l’incresciosa situazione”. In particolare, Massimiliano Allegri si è rammaricato per quanto avvenuto mercoledì notte, assicurando che non voleva minacciare o insultare Vaciago.

Intanto alla Continassa

Stamane, comunque, Allegri si è recato alla Continassa per dirigere l’allenamento della squadra. Non era scontato che ciò accadesse. A quanto pare, infatti, i rapporti con la società sono sempre più tesi. La separazione a fine stagione è data oramai per scontata e non è nemmeno sicura la permanenza in panchina nelle ultime due giornate. Anche il caso Vaciago – a quanto pare – ha finito per rendere più probabile la sospensione anticipata del contratto di Allegri da parte del club.