Vera Jourova (foto Ansa)

I giornalisti europei alla Commissione Ue: indagare su pressioni del governo sui media

Condividi

Rai e non solo. Diverse associazioni di giornalisti hanno invitato l’Ue – e in particolare la commissaria Jourova – ad avviare un’indagine sulla situazione dei media nel paese

“L’indipendenza dei media è stata sottoposta a forti pressioni in Italia”. E’ la sintesi il messaggio contenuto in una lettera che diverse associazioni di giornalisti, tra cui la Federazione Nazionale della Stampa Italiana e quella dei giornalisti europei (Efj), hanno scritto alla Commissione Ue, rivolgendosi in particolare a Vera Jourová , vicepresidente della Commissione europea.

“Il governo di Giorgia Meloni ha esercitato sempre più il suo potere sulla Rai, l’emittente nazionale italiana, estromettendo manager e conduttori televisivi dai loro incarichi e censurando programmi critici nei confronti del governo”, si legge nel testo. Che cita il caso di Antonio Scurati e le dimissioni di Carlo Fuortes.
“Recentemente giornalisti e giornali sono stati costantemente attaccati da membri del governo, soffocando le voci dissenzienti e ostacolando l’indipendenza dei media”.

Letter-to-jourova

Indagine e par condicio

La richiesta è quella di “avviare un’indagine” sui tentativi del governo italiano di controllare i media e le informazioni pubbliche, partendo dalle disposizioni a salvaguardia della libertà di stampa contenute nel Media Freedom Act e dalla tutela dei valori fondamentali dell’Ue sanciti dai Trattati europei.
Nel testo anche la richiesta di “garantire condizioni di parità durante la campagna per le elezioni del Parlamento Europeo per consentire la partecipazione giusta ed equa di tutte le diverse forze politiche nei media”.

Lettera al vaglio degli esperti di Bruxelles

Dall’Ue, segnala Ansa, trapela che la lettera “è al vaglio degli esperti”. Le fonti citate dall’agenzia avrebbero anche ricordato che “alcune preoccupazioni” sulla situazione nel mondo dell’informazione in Italia sono già state rilevate nell’ultimo rapporto della Commissione Ue sullo Stato di diritto.