Al via ‘Tokyorama’, primo magazine per la comunità italiana in Giappone in partnership con Italpress

Condividi

Dopo il successo de Il Newyorkese, la rivista che in pochi mesi è diventata il punto di riferimento degli italiani di New York, superando i 300.000 visitatori mensili e arrivando già al secondo numero cartaceo, Luckyhorn Entertainment è orgogliosa di annunciare il lancio di Tokyorama.


Si tratta del primo magazine dedicato alla comunità italiana in Giappone, sicuramente più piccola di quella statunitense ma non meno interessante, questo non solo per gli oltre 10.000 italiani che vivono sul territorio nipponico, ma anche per sviluppare l’asse commerciale con il Giappone e creare un hub che promuova il turismo, la cultura giapponese e il lavoro delle nostre istituzioni sul territorio.

Questo è il secondo passo di un percorso più ampio iniziato da Luckyhorn, che è interessata a lanciare magazine per gli italiani nel mondo, con una finestra globale e delle ramificazioni territoriali. Nel 2024 arriveranno infatti Il Californiano e Il Detroiter, mentre nel 2025 sono previsti altri tre magazine territoriali statunitensi e ancora uno per il mercato arabo e uno per quello cinese.

L’editore Davide Ippolito ha dichiarato: “L’obiettivo è creare un hub centrale di comunicazione per gli oltre 4 milioni di italiani residenti nel mondo diventando un punto di riferimento per orientarsi sul territorio e creare comunità”.

Gaspare Borsellino

Il progetto è in partnership con Italpress, agenzia stampa che sta affiancando il progetto di Ippolito.
Il direttore ed editore di Italpress, Gaspare Borsellino, ha dichiarato: ” Sono molto contento – afferma Borsellino- di questa nuova partnership con il gruppo LuckyHorn di Davide Ippolito.
Dopo aver avviato una importante sinergia con Il Newyorkese, adesso una nuova stimolante tappa in Giappone con Tokyorama. La collaborazione non si limiterà ad una semplice fornitura di contenuti multimediali, ma vedrà le nostre realtà unite in alcuni interessanti progetti editoriali di informazione e comunicazione sia negli Stati Uniti che in Giappone e successivamente anche in altri Paesi come il golfo degli Emirati Arabi e la Cina”