Claudio Sforza

Claudio Sforza sarà il nuovo amministratore delegato di Benetton Group

Condividi

Succederà a Massimo Renon

Il cda di oggi di Benetton nella sede di Villa Minelli segna l’ennesimo tentativo di rimettere in carreggiata il gruppo di Ponzano dopo l’addio alla presidenza di Luciano Benetton che 60 anni fa, nel 1965, l’ha fondato con la sorella Giuliana e i fratelli Gilberto e Carlo.

Un passo indietro ‘rumoroso’, ricorda Rainews, annunciato con un’intervista al Corsera in cui l’89enne presidente si è definito ‘tradito’ dall’ad e dai suoi manager, colpevoli di avergli nascosto una perdita importante. Si tratta alla fine, di 230 milioni di euro che il Consiglio di amministrazione ha esaminato nell’approvare i conti del 2023. Un anno da shock per il gruppo del tessile che cercava il pareggio e sui cui Edizione, la cassaforte guidata da Alessandro Benetton, è pronta a intervenire, in arco temporale di 4 anni con 260 milioni di euro.

Un’iniezione a sostegno del piano di riorganizzazione e di rilancio del gruppo (il cui peso nel business della holding è solo del 2%) che verrà portato avanti dal nuovo management con una strategia industriale già in elaborazione. L’intervento avverrà sia attraverso un aumento di capitale, sia attraverso finanziamenti infragruppo. Il tutto sarà sul tavolo del cda della holding – che in sostanza metterà i soldi – in una prossima riunione che servirà anche a definire la lista del prossimo cda del gruppo dell’abbigliamento senza più rappresentanti diretti della famiglia, come già avviene nella altre controllate. 

Nel nuovo board non ci sarà più, ovviamente, Renon, arrivato nel 2020 da Marcolin, che ha preannunciato “una risposta strutturata” per vie legali di fronte alle pesanti accuse mosse da Luciano Benetton. Il nuovo ceo è stato scelto e sarà Claudio Sforza.

Nel frattempo 21 Invest, il gruppo di investimento europeo fondato da Alessandro Benetton, ha messo segno un altro colpo cedendo la francese ProductLife Group (PLG) e reinvestendovi, dando vita a un gruppo mondiale nel settore Healthcare. Un’operazione da 500 milioni che vede il controllo congiunto di 21 Invest con Oakley Capital insieme ad altri importanti investitori tra cui il management team, guidato dal ceo Xavier Duburcq . E’ un’operazione che ” testimonia il nostro impegno nel far crescere le aziende in cui investiamo, trovando soluzioni innovative e di ampio respiro per continuare a supportarne il percorso di crescita”, sottolinea Alessandro. 

Plg è una società francese che offre soluzioni per le aziende farmaceutiche, dalla fase pre-marketing di un farmaco o dispositivo medico, fino alla fine del suo ciclo di vita. Fondata nel 1993, è presente in 150 paesi, in cui serve oltre 1.000 clienti (società farmaceutiche, biotech e medtech). Entrata nel portafoglio di 21 Invest nel 2019, nell’arco di cinque anni Plg è passata da un fatturato di 25 milioni a 167 milioni nel 2023, nonché da 240 a 1.500 dipendenti.

Claudio Sforza sarà il nuovo amministratore delegato di Benetton Group

Fonti di Edizione, infatti, confermano ad Adnkronos il nome del nuovo ceo di Benetton Group, anticipato da ‘La Repubblica’. Sforza, che ha avuto un passato professionale in molte tra le più importanti aziende italiane, dovrebbe gestire la riorganizzazione e il rilancio del business di Benetton Group.

Claudio Sforza è un manager dalle riconosciute competenze finanziarie e industriali che ha ricoperto ruoli di alto profilo in grandi aziende pubbliche e private, in diversi settori industriali: da Astaldi a Poste, passando per Ilva, Telecom e Wind. Laureato in Economia e Commercio all’università di Roma, La Sapienza, Sforza ha iniziato il suo percorso professionale nell’area Amministrativa e Finance di Pfizer. Successivamente ha sviluppato la sua carriera nel mondo delle telecomunicazioni, con ruoli a crescente responsabilità in Italcable, Iritel, Netscalibur, dove assume il ruolo di Direttore generale, per approdare poi in It Net, come Ceo. In Wind ha guidato la divisione commerciale, sia per le grandi che per le piccole-medie aziende.

Claudio Sforza ha trascorso, in seguito, altri otto anni in Poste come Chief Financial Officer, guidando inoltre la controllata Postel fino al 2011. E’ stato successivamente Ceo di Gamenet. E’ stato infine Procuratore per la gestione e liquidazione degli asset del Patrimonio Destinato di Astaldi.