Musk difende Trump: da verdetto danni a fiducia nel sistema legale. E apre X al confronto politico

Condividi

La piattaforma social si prepara a ospitare degli eventi live di Trume e Kennedy Jr. No dalla campagna di Biden

Che i rapporti tra Elon Musk e Donal Trump siano nettamente cambiati negli ultimi tempi non è un mistero, tanto che in caso di un suo ritorno alla Casa Bianca, il tycoon sarebbe pronto a interpellare l’imprenditore come consigliere.
Una riprova del nuovo “sodalizio” è anche l’intervento con cui Musk ha commentato la freschissima condanna di Trump nel processo legato all’attrice porno Stormy Daniels. 

“Gli americani dovrebbero decidere chi sarà presidente”, ha scritto su X, parlando di un verdetto che causa “danni alla fiducia del pubblico nel sistema legale americano”.
“Se un ex presidente può essere condannato penalmente per una questione così banale – motivata dalla politica più che dalla giustizia – allora tutti rischiano un simile destino”, ha aggiunto.

X ring politico

Nella corsa alla Casa Bianca, poi, Musk ha fatto un altro passo per realizzare i suoi progetti di rendere X un centro di discussione politica.
Sulla piattaforma verrà ospitato un evento live di Trump in collaborazione con NewsNation. Secondo il Wall Street Journal, Musk si sta muovendo anche per organizzare un town hall analogo per Robert F. Kennedy Jr, candidato indipendente alle presidenziali.
Anche la campagna di Joe Biden sarebbe stata invitata ma pare abbia rifiutato mettendo in evidenza che il presidente si è già accordato per due dibattiti.