Ania, nel 2023 danni da clima per 357 miliardi di dollari

Condividi

“Sul versante dei cambiamenti climatici, negli ultimi mesi abbiamo registrato una crescente frequenza di eventi catastrofali che anche in Italia hanno prodotto danni ingenti, con conseguenze onerose per molte compagnie”. Lo ha detto la presidente dell’Ania Maria Bianca Farina all’evento ‘Innovation by Ania’ precisando che secondo le stime “nel 2023, le catastrofi naturali e climatiche, hanno provocato oneri alle imprese, per danni fisici diretti e perdite in giro d’affari, pari a 357 miliardi di dollari”. A fronte di tali danni, ha sottolineato la presidente dell’Ania “le compagnie di assicurazione private e gli assicuratori del settore pubblico hanno dovuto coprire questi costi per almeno 123 miliardi di dollari: è il quarto anno di seguito che le perdite assicurate superano i cento miliardi di dollari, ed è il sesto degli ultimi sette”.

“Quello che è successo l’anno scorso in Italia è qualcosa che usciva da qualsiasi modello previsionale” sulle catastrofi naturali e “ha molto preoccupato il settore”. Lo dice amministratore delegato e direttore generale di Allianz Italia e vicepresidente di Ania, Giacomo Campora, all’evento Innovation by Ania. “Per Allianz lo scorso anno abbiamo avuto danni per oltre 900 milioni di euro quando in un anno normale prevediamo di averne per 120-130 milioni”, spiega Campora, evidenziando che c’è stato un “fattore 8 volte più grave” rispetto alla previsione dei modelli utilizzati allora. L’a.d. di Allianz Italia spiega che la compagnia “ha assorbito il corpo” perché era a sua volta assicurata, ma altre società acquisite negli ultimi anni “se non fossero entrate nel nostro gruppo, avrebbero metaforicamente portato i libri in tribunale”. “Ora ci troviamo a nostra volta a far fatica a trovare riassicurazione”, osserva. Campora si dice “molto favorevolmente colpito e sopreso dall’iniziativa del governo di aprire un tavolo” perché “è la prima volta che nostro paese si cerca di stimolare l’attenzione sulla necessità di prevenire con l’assicurazione le perdite devastanti in caso di eventi naturali e catastrofali”.