Meloni porta Mentana al 9%. Gruber vs. Salvini tocca 9,4%. Governo ‘aiuta’ La7

Condividi

Meloni e Salvini spingono in alto gli ascolti dell’‘odiata’ emittente di Urbano Cairo. Continua lo sciopero di Nielsen che rimanda l’arrivo dei dati Auditel sui programmi. In attesa di sapere cosa ha prodotto ieri- mercoledì 5 giugno – la sfida tra Vasco su Rai1 e la finale dell’Isola dei famosi su Canale 5, vinta dall’outsider turco, Aras, ecco – grazie alle elaborazioni di Studio Frasi – cosa hanno prodotto i passaggi in parte inattesi della premier al TgLa7 e del segretario leghista a ‘Otto e Mezzo’, nella rete cioè che i maggiori partiti di governo tendono di regola a ‘evitare’…

Serata e giornata “particolari” (direbbe il collega Aldo Cazzullo) per Enrico Mentana. Il direttore del TgLa7, che a gennaio compirà 70 anni e non ha ancora rinnovato l’accordo con l’editore, Urbano Cairo, ed ha litigato di recente con la collega Lilli Gruber per una linea passata in ritardo a Otto e Mezzo’, al primo pomeriggio ha ricevuto messaggi di stima e apertura incondizionata da Cologno.

Opzione Biscione

Ha evocato un suo ritorno Piersilvio Berlusconi, ceo di Mediaset, che ha incontrato i giornalisti per fare un bilancio della stagione tv giunta a conclusione alla fine di maggio. Pur assenza di offerte di Alessandro Araimo, ceo di WBD, quindi, per la Nove, Mentana a quanto pare può contare anche su una solida ‘opzione Biscione’, se vuole continuare la sua attività di telegiornalista e ‘maratoneta’.

Comunque sia, sempre ieri – mercoledì 5 giugno – Mentana ha prima con un promo dato appuntamento a due prime serate ‘speciali’ su La7, giovedì 6 e venerdì 7 giugno con ‘L’ultima Parola’, approfondimento destinato a contenere le dichiarazioni di tutti i contendenti politici che contano prima dell’appuntamento elettorale con le Europee. Inoltre – ha avvisato il direttore – non mancheranno certo all’appello gli appuntamenti live per raccontare gli esiti delle elezioni.

Enrico rilancia

Ieri però, durante il TgLa7, Mentana ha fatto un altro colpo a sorpresa, ospitando il ‘nemico’ dichiarato della rete “radical chic”, la premier Giorgia Meloni, intervistandola (come farà con gli altri leader) nella seconda parte del giornale delle 20.00. Giorgia è entrata in scena alle 20.14 circa ed è rimasta on air fino alle 20.37 circa. Vestita di nero, elegante, è apparsa molto più pacata e rassicurante e meno ‘vittimista’ di quanto non fosse sembrata nella sua finestra social ‘TeleMeloni’ e nelle apparizioni collezionate di recente su Rete4, da Paolo del Debbio e Nicola Porro.

Il passaggio di Meloni su la7 è coinciso con il bilancio di una giornata in cui la premier aveva fatto visita in Albania al premier Edi Rama, ‘salvando’ il parlamentare di Riccardo Magi segretario di + Europa, che l’aveva seguita nella visita ai centri di accoglienza in via di costruzione, maltrattato dalla polizia e dalla sicurezza locale.

Dopo 18 minuti di tg normale, alle 20.15 circa, Mentana ha aperto l’ospitata con la premier citando la tirata social della Meloni contro l’emittente di Urbano Cairo. Che ha detto sul tema: “Non c’è mai un problema con le persone che non la pensano come me. Non ho niente contro gli spettatori de La7, mi sono limitata ad ironizzare su alcuni dei conduttori”. Secondo Meloni alcuni di essi, infatti, “costruiscono il racconto del mostro”, ed è per questo che lei non va ospite in quei contesti. Mentana l’ha intervistata fino alle 20.37, sforando un po’ anche stavolta prima di passare la linea a Lilli Gruber.

Ad ‘Otto e mezzo’ – ma questo si sapeva già dal giorno prima – l’ospite della conduttrice, supportata da Massimo Giannini, era un occhialuto (con un orzaiolo all’occhio destro?) e compunto Matteo Salvini, mentre Elly Schlein iniziava la sua serata vespiana su Rai, ospite prima a ‘Cinque Minuti’ dopo il tg dell’ammiraglia, per poi rimbalzare in nottata a ‘Porta a Porta’ dopo Vasco. Da registrare – in tema di format visivo – il fatto che Mentana e Meloni non siano mai apparsi affiancati, per non dare (evidentemente) l’idea che giornalista e politico facciano una sorta di minuetto.

Elaborazioni Studio Frasi: Mentana con Meloni (8,4%) e Gruber (8,44%) con Salvini

In casa Gruber, l’esame politico per il segretario leghista è durato per 35 minuti circa – dalle 20.50 alle 21.27 ed è stato pirotecnico come nelle attese. Poi il talk ha passato la linea ad ‘Eden’ e Licia Colò.  

Ebbene, lo spazio Meloni dentro il TgLa7 ha prodotto circa 1,450 milioni di spettatori e l’8,4%, con un picco da 1,6 milioni circa ed il 9% nella fase finale. L’Otto e mezzo con Salvini, subito dopo, trinato dal tg, ha avuto 1,6 milioni di spettatori con l’8,44% di share, facendo un picco da quasi 1,8 milioni ed il 9,4% alle 21.08. Il TgLa7 è stato il terzo programma più visto dietro Rai1 e Canale 5, mentre la Gruber è stata quarta, rimanendo dietro anche Rai3.