Emiciclo Parlamento europeo a Strasburgo (Foto Ansa)

Europee, sabato e domenica silenzio elettorale su media e web (qui sarà dura)

Condividi

Indicazioni da Agcom sullo stop alle attività di campagna elettorale.
Nessun divieto per la pubblicazione dei sondaggi esteri

Dopo settimane di campagna elettorale, sabato e domenica si vota per le Europee. Alla mezzanotte dell’8 giugno scatterà il silenzio elettorale, in vigore fino al 9.

Lo ha ricordato Agcom in una nota, precisando che sarà “possibile effettuare attività di propaganda elettorale fino alle ore 23:59 di venerdì 7 giugno 2024”.
L’obbligo, viene puntualizzato, riguarda anche “le emittenti radiotelevisive e si estende a tutte le attività di propaganda elettorale, diretta ed indiretta, anche se veicolata sulle piattaforme online”.
“Resta fermo, ha concluso Agcom, il divieto di pubblicazione e/o diffusione dei risultati dei sondaggi politici ed elettorali, già in vigore da sabato 25 maggio 2024”.

Nessun divieto per exit poll esteri

Da Agcom sono arrivate anche le indicazioni sulla pubblicazione di sondaggi ed exit poll sul voto degli altri paesi Europei, per i quali non vige nessun divieto.
“Esaminato il quadro legislativo vigente nel nostro ordinamento e alla luce dei principi sanciti nella Costituzione, il divieto di cui all’art. 8 della legge 28/2000 in materia di sondaggi non si estende alle rilevazioni riferite all’esito del voto in altri Paesi dell’Unione Europea, non essendo le stesse riferite a elezioni e al comportamento di elettori ricadenti nell’ambito della giurisdizione italiana”
“Resta fermo, ha puntualizzato, il potere dell’Autorità di intervenire laddove, in concreto, la diffusione di dette rilevazioni abbia un impatto effettivo sulle elezioni in corso in Italia”.