AI: Nvidia, Microsoft e OpenAI nel mirino dell’antitrust Usa

Condividi

Ftc e Dipartimento di giustizia verso l’apertura di inchieste sulle tre società, scrive il New York Times. Una mossa che ribadisce l’attenzione dell’amministrazione Biden sul settore

Si accandono i fari delle autorità americane antitrust sulle big dell’intelligenza artificiale. Nel mirino ci sarebbero i ruoli di Microsoft, Nvidia e OpenAI nel settore.

A riportarlo il New York Times citando alcune fonti, secondo le quali il Dipartimento di Giustizia indagherà per accertare se la condotta di Nvidia sia stata o meno violazione di leggi antitrust. Il gigante dei semiconduttori è leader incontrastato del mercato dei chip per l’IA, di cui controlla l’80%.
La Federal Trade Commission esaminerà invece la condotta di Microsoft e OpenAI in merito alla loro partnership, con un investimento da 13 miliardi di dollari del colosso di Redmond.

L’attenzione della Casa Bianca

Le inchieste confermano l’elevata attenzione dell’amministrazione Biden sul settore. E Dipartimento di giustizia e Ftc sono le due agenzie in prima linea nei tentativi di regolamentare lo starpotere delle Big tech.
Per mesi Nvidia, Microsoft e OpenAI sono sfuggite all’esame delle autorità, ma i recenti progressi dell’AI con testi, audio, video e foto hanno riacceso e intensificato l’attenzione.
Tnto più che gli Stati Uniti, ricorda Ansa, sono indietro rispetto all’Europa nelle normative sull’AI.