Luigi De Siervo (Foto Ansa)

De Siervo: calcio vero romanzo popolare italiano. La pirateria ne ruba il futuro

Condividi

Il calcio in Italia è “soprattutto un fatto sociale”. A dirlo l’amministratore delegato della Serie A, Luigi De Siervo, nel convegno inaugurale del Festival della Serie A iniziato stamattina a Parma.

“Non c’è soltanto la parte delle riprese televisive, non è solo un evento sportivo o di business come purtroppo emerge sui giornali”, ha detto.
“Il calcio, la serie A, ha il grande vantaggio di essere il vero romanzo popolare di questo Paese, dove l’alto e il basso, le persone di tutti i ceti sociali riescono a dialogare tutti i giorni al bar piuttosto che al telefono, intorno a cui le famiglie spesso mantengono un punto di ritrovo e di incontro”.
L’obiettivo è “raccontare cosa succede dietro una partita di calcio”, ha sottolineato. “Volevamo farvi raccontare dall’interno, alzando un po’ il sipario, quello che è il dietro le quinte, raccontando quanto è sfaccettata e complessa la materia”.

Pirateria nemico principale

“La battaglia più grande, il punto debole del sistema, è la battaglia contro la pirateria, contro chi si approfitta di questo spettacolo rubando il futuro di questo sport”, ha detto poi, citato da Ansa.
E l’invito agli appassionati è quello di “coccolare la serie A, tenerla vicina”.