AI, Barachini: formazione e informazione centrali per governarla

Condividi

“L’Ue ha messo in campo un’iniziativa straordinaria con l’IA Act, ma è una misura che diventerà operativa tra 12 mesi. Noi non possiamo perdere tempo: ogni minuto perso è un passo indietro rispetto alla tutela della creatività umana”. Lo ha detto il sottosegretario all’Editoria, Alberto Barachini, al convegno ‘Verso il G7: IA rischi e opportunità’.

“La tutela del prodotto è fondamentale ed è importante esplicitare cosa è stato modificato e cosa non lo è stato”, ha spiegato Barachini, ripreso da Ansa.
“Bisogna lavorare sull’informazione e sulla formazione dei cittadini, per consentire loro di riconoscere se il contenuto è stato modificato o meno. Questo fa parte del disegno di legge che abbiamo messo a punto e che inizia il suo iter al Senato, perché è presente la cosiddetta etichettatura dei prodotti modificati”.

Deepfake un rischio

Secondo il sottosegretario, anche il deep fake rappresenta un “rischio” da affrontare. “Non tutti hanno la possibilità di comprendere le modifiche a un determinato video e per questo abbiamo inserito nel disegno di legge un’aggravante penale, perché ci sono pericoli per la democrazia”.
“C’è, inoltre, una procedura con cui un documento viene marcato temporalmente e inserito nella blockchain. È una sorta di spunto dato al sistema editoriale per difendere i contenuti”, ha concluso.