‘Caro presidente, un anno dopo’, Mediaset ricorda Berlusconi, che resta una star sui social

Condividi

Omaggio in onda in simulcast sulle reti Mediaset e TgCom24

Un anno è passato dalla scomparsa di Silvio Berlusconi. Un anno trascorso senza il fondatore di Mediaset e di Forza Italia: il 12 giugno Mediaset è pronta a commemorare il primo anniversario della sua morte con un omaggio, una programmazione speciale.

“Caro Presidente, un anno dopo” andrà in onda alle 20.30, in simulcast su Canale 5, Italia 1, Retequattro e Tgcom24. Il documento di Toni Capuozzo, con la regia di Roberto Burchielli, ricorderà il Cavaliere con le immagini delle persone a lui più vicine, gli affetti più cari, i figli, dal più giovane Luigi a Eleonora, Barbara, Pier Silvio e Marina, uniti nell’amore verso il padre, e il fratello Paolo. Poi, attraverso un viaggio in Italia tra i luoghi più significativi della storia di Silvio Berlusconi, si alterneranno i racconti degli amici di una vita: Fedele Confalonieri, Marcello Dell’Utri, Gianni Letta e Adriano Galliani, al suo fianco all’inizio dell’avventura televisiva, nelle pagine storiche segnate con il Milan e nell’ultima esperienza con il Monza.

E ancora, un ricordo della moglie di Ennio Doris, Lina Tombolato, e di Guido Barilla. Non mancheranno i ricordi di Paolo Del Debbio e di Antonio Tajani, al fianco nella campagna politica fin dal 1994, quando Berlusconi decise di scendere in campo per gli italiani.

A seguire, le testimonianze di chi ha conosciuto il percorso del Cavaliere dalla televisione alla politica: Carlo Freccero, a cui Berlusconi affidò il compito di dirigere i palinsesti della neonata televisione commerciale Fininvest, il primo direttore del Tg5 e attuale direttore di TgLa7 Enrico Mentana, Maria De Filippi, Gerry Scotti e Urbano Cairo. Infine, i ricordi del mondo dello sport: l’ex allenatore del Milan Arrigo Sacchi e Zlatan Ibrahimovic che incontrando il suo ex presidente, nel 2022, ha postato una foto con la scritta “La storia non si cancella… e il futuro è ancora da scrivere…”.

Berlusconi star dei social: 54 milioni di interazioni a un anno dalla morte

E a un anno dalla sua scomparsa, la Rete continua a tributare Silvio un interesse che non accenna a spegnersi né a placarsi, trasversale a tutti i maggiori social network.

Lo dice una ricerca realizzata da SocialData, in esclusiva per Adnkronos, che ha analizzato tutti i post web e social dal 15 giugno 2023 -giorno successivo alle sfarzose esequie del Cavaliere al Duomo di Milano- al 10 giugno 2024.

Ebbene, la figura del fondatore di Forza Italia continua a far parlare sui social: solo su TikTok, negli ultimi 12 mesi, i contenuti che lo riguardano hanno prodotto 22 milioni di interazioni, con una media di quasi due milioni di ‘scambi’ al mese. Nel complesso sono stati rilevati oltre 440mila contenuti pubblici che menzionano la parola ‘Berlusconi’, testi che hanno generato nell’arco degli ultimi 12 mesi oltre 54 milioni interazioni tra like, commenti e condivisioni.

A spingere le interazioni, accendendo i riflettori sull’ex premier, due ‘uscite’ che hanno generato altrettanti picchi significativi: uno in corrispondenza dell’arrivo nelle libreria di “In nome della Libertà”, di Paolo Del Debbio; l’altro subito dopo l’esordio della docuserie “Il giovane Berlusconi” su Netflix. I contenuti che riguardano Berlusconi -racconta la ricerca realizzata da SocialData per Adnkronos- sono strettamente legati a temi come “Italia”, “Governo”, “Europa”, e termini che indicano azioni politiche come “Cambiare”, “Governare”, “Votare”.

Per quanto riguarda le interazioni, ovvero like, commenti, condivisioni, visualizzazioni passate sotto la lente di ingrandimento della ricerca, i canali ‘visivi’, quando si tratta di Berlusconi, hanno un’indiscussa predominanza. Ben il 40% delle interazioni sono state infatti registrate su Tiktok, il 26% YouTube e il 23% su Instagram, mentre Facebook è fanalino di coda, fermo al 10%.

A livello socio-demografico, sono più gli uomini che le donne a ‘ricordare’ sui social il Cavaliere: le menzioni provengono infatti dal 58% degli uomini, con una predominanza della fascia d’età 26-40 anni (67% per gli uomini, 83% per le donne). A parlarne sono maggiormente giornalisti, scrittori, politici e imprenditori, con interessi focalizzati su politica, giornalismo, Forza Italia, calcio e musica.

Quanto ai volti che accompagnano il ricordo dell’ex premier e presidente del Milan nella stagione d’oro dei rossoneri, è di Antonio Tajani, tra i politici, il profilo maggiormente associato alla figura di Berlusconi. La ricerca accende i riflettori anche sui figli del Cavaliere per capire chi, tra gli eredi, è stato più citato in associazione con la figura paterna. Nel dettaglio, la classifica vede in testa Pier Silvio Berlusconi, con ben 25mila menzioni, seguito da Marina (16mila), Barbara (13mila), Luigi (10mila) ed Eleonora (5mila). Si tratta di dati, nel complesso, che testimoniano come l’impatto politico e mediatico di Berlusconi continui a vivere nel contesto italiano, nonostante la sua scomparsa.