Infante si lagna della Rai sul Corsera. Messaggio per Corsini e Rossi

Condividi

Qualche malumore, in un periodo critico, quello che precede la presentazione dei palinsesti autunnali. I problemi di sovrapposizione di temi con il programma della Balivo su Rai1

Milo Infante non è contento. Nonostante i successi del suo ‘Ore 14’ nel pomeriggio della seconda rete si lamenta della Rai col Corsera. Vuole cambiare emittente? Cerca spazio sul Nove o La7? Si direbbe di no, un trasloco altrove è improbabile. Nel ritrattone dal quotidiano di via Solferino, Infante racconta a Candida Morvillo (tra i suoi ospiti live anche martedì scorso) di suo padre, giornalista anche lui; e della vita a Sesto San Giovanni, in una casa ‘piccola’ ed in un quartiere di periferia. E poi lascia la chiave emotiva e si lagna un poco dell’attenzione ridotta che gli prestano in Rai, a cominciare dal suo capo di riferimento, Paolo Corsini, responsabile dell’approfondimento. Mentre più attenzione e sinergie riesce a farle con la TgR, testata di cui è direttore Alessandro Casarin, in quota Lega come lui.

Paolo Corsini (Foto Ansa)

Condensa questa insoddisfazione e lancia messaggi non chiaramente indirizzati, l’intervista appena rilasciata; in un periodo critico, quello che precede la presentazione dei palinsesti autunnali. Del resto ha avuto un andazzo non sempre semplice – negli ultimi anni – il rapporto tra la tv pubblica e il giornalista, ora incline a raccontare bene la cronaca nera.

Un contenzioso vinto

Enfant prodige delle tv locali, invenzione – come altri colleghi titolati – di Sandro Parenzo e TeleLombardia, Infante è stato ‘perfino’ vicedirettore di Rai1 e Rai2, e nella nuova struttura della tv pubblica mantiene l’incarico di vicedirettore ad personam dell’approfondimento.

In passato ha avuto un lungo contenzioso ed ha vinto la causa intentata alla tv pubblica quando – causa spoil system – era stato sostanzialmente demansionato. ‘Ore 14’ rappresenta una sua rivincita. Perché il programma che conduce – dati Auditel alla mano – rappresenta uno dei pezzi della seconda rete che funzionano, trainando ad un buon risultato anche il salotto successivo affidato a Pierluigi Diaco, ‘BellaMa’’. Venerdì scorso trainato da Dribbling Europei il suo programma ha fatto l’8,4% di share. Giovedì è arrivato al 9,3%, mentre mercoledì aveva portato a casa l’8,1%.

Caterina Balivo (foto Ansa)

Balivo invadente

Da qualche tempo Infante si lamenta con la struttura della virata sulla cronaca di ‘La Volta Buona’, il programma di Rai1 affidato a Caterina Balivo (sua collega di conduzione, in precedenza, nel pomeriggio di Rai2) per fare cronaca bianca e rosa e, causa ascolti incerti, spesso finito a tingersi di nero come ‘Ore 14’ in momenti concomitanti. Con qualche imbarazzante sovrapposizione riguardante perfino i temi di apertura delle trasmissioni. Che logica vorrebbe diversi, anche perché altrimenti, dopo avere incrociato la parte ‘nera’ di Infante, Balivo si troverebbe poi a replicare quella leggera di Diaco. Forse è così – inviati a Corsini e Giampaolo Rossi – che vanno letti i suoi messaggi e le sue lagne.