Michela Colamussi

Monrif affida ai giornalisti un tool AI; Cdr prepara codice di autodisciplina

Condividi

Le redazioni web di QN Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno hanno recentemente iniziato a sperimentare il nuovo tool Ai-Light, in versione beta.

Si tratta, spiega una nota, di un innovativo strumento di intelligenza artificiale, progettato per supportare i giornalisti nelle loro attività quotidiane integrato nel sistema di gestione dei contenuti (CMS).

Ecco cosa fa Ai-Light:

  • Controlli Quantitativi: effettua oltre cinquanta verifiche su ogni bozza di articolo, analizzando titoli, sommari, testo, immagini, video e link per garantire che tutto sia conforme agli standard editoriali.
  • Suggerimenti in Tempo Reale: grazie alla sua perfetta integrazione con il CMS, Ai-Light fornisce suggerimenti attivi su come migliorare l’articolo con un semplice click.
  • Supporto Multimediale e Semantico: Ai-Light aiuta i giornalisti a scegliere elementi multimediali appropriati e offre suggerimenti semantici per migliorare la rilevanza degli articoli nei motori di ricerca.

Ai.Light è stato sviluppato dai team Technology, Seo e Product Design di Robin – Gruppo Monrif – che ha utilizzato tecnologie all’avanguardia per garantire che l’estensione sia leggera, performante e perfettamente integrata con il CMS. I consigli di Ai-Light sono facilmente visualizzabili tramite una dashboard dedicata, accessibile da un pulsante flottante nella schermata del CMS, garantendo al contempo flessibilità e scalabilità per future evoluzioni tecnologiche.

L’applicazione è un plug-in di Google Chrome, ad accesso privato, che si interfaccia con il CMS delle redazioni, ma che può essere facilmente integrato anche con altri software di publishing di altri editori.

‘Il sistema è agnostico rispetto ai modelli di AI attualmente disponibili – dichiara Romolo Velati, Chief Technology Officer Monrif – in quanto pensato per selezionare tra le varie soluzioni presenti sul mercato, quella più adatta al contesto di utilizzo.’

‘Ai.Light è customizzabile anche dal punto di vista della SEO strategy, – aggiunge Paolo Zanzottera, Data & Seo Strategist Monrif, – perché può evolvere facilmente il modello dei controlli SEO sulla base delle esigenze di chi produce il contenuto.’

‘Si tratta di un progetto di trasformazione digitale pienamente collaborativo, in cui l’applicativo Ai.Light, rilasciata in versione beta a un gruppo di giornalisti tester, viene migliorato continuamente grazie ai feedback degli utilizzatori, con l’obiettivo di fornire a breve uno strumento pienamente funzionale a tutti i giornalisti di Editoriale Nazionale. – afferma Michela Colamussi, Director of Transition to Digital and Innovation Monrif – Le redazioni restano al centro della fase di produzione e pubblicazione, mantenendo sempre il pieno controllo della qualità dell’output, ma vengono supportate in velocità nell’adattamento del contenuto alle specificità del mezzo digitale. L’obiettivo non è quello di sostituire il lavoro giornalistico ma in prospettiva di permettere loro di dedicare più tempo alla ricerca e all’approfondimento delle notizie, diminuendo il carico di lavoro tecnico che sarebbe così in capo a un assistente digitale capace di migliorare la visibilità dei loro articoli.’

Questa innovazione conferma l’impegno del Gruppo Monrif nel mantenere elevati standard editoriali e di proseguire speditamente verso l’innovazione con progetti di cooperazione aziendale. Comitati di redazione, direzione e azienda sono al lavoro per definire un codice interno di autodisciplina sull’Intelligenza Artificiale.