Ferrari, Mattarella battezza l’e-building 4.0

Condividi

Inaugurato venerdì alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, lo stabilimento tech e green dove nasceranno vetture con motore termico, ibrido e il primo modello elettrico di Ferrari. Poi, ancora nel week end, il presidente John Elkann, il vice presidente Piero Ferrari e l’ad Benedetto Vigna hanno rilanciato il Ferrari Day, l’evento dedicato al personale e alle famiglie

Per la Ferrari una giornata ed un week end particolari a Maranello. Caratterizzati prima dalla presenza del presidente Sergio Mattarella, che venerdì ha battezzato il nuovo complesso tecnologico e industriale del Cavallino realizzato all’insegna delle più avanzate logiche tecnologiche e di sostenibilità. E poi sabato e domenica, dall’appuntamento riservato alle persone e alle famiglie del grande universo Ferrari, con una serie di visite, attività ed eventi che hanno registrato nelle giornate del 22 e del 23 giugno il numero più alto di sempre di presenze, con i visitatori che sono stati circa 30.000. I dipendenti della Ferrari hanno avuto l’opportunità di far conoscere ai loro ospiti l’azienda in cui lavorano, comprese alcune aree rimaste storicamente inaccessibili al pubblico come il Centro Tecnico, il Garage Pit Stop e la sede di Endurance & Corse Clienti.

Il piazzale antistante l’azienda

Il benvenuto al Presidente e la visita

“Siamo onorati di avere con noi il presidente Sergio Mattarella per l’inaugurazione dell’e-building, uno stabilimento che unisce la centralità della persona nel luogo di lavoro al rispetto dell’ambiente”. Il Presidente di Ferrari e Stellantis, John Elkann, ha salutato così, venerdì, la presenza della massima carica dello Stato ad un evento topico della storia del Cavallino Rampante. E’ stato varato, infatti, a nord del campus Ferrari, in una zona in riqualificazione, senza consumo di suolo, il nuovo edificio in cui nasceranno le nuove vetture con motore termico, ibrido e il primo modello elettrico. L’integrazione dell’edificio nel contesto urbano è stata perfezionata attraverso una riqualificazione di oltre 100.000 mq e una riprogettazione delle infrastrutture viarie. Sono state costruite, infatti, una strada a servizio del sito e una pista ciclabile di 1,5 Km collegata alla rete cittadina.

Mattarella in visita alla fabbrica


“Investire sul nostro territorio – ha spiegato Elkann – è essenziale per prepararci con fiducia al futuro della Ferrari, confermando il nostro impegno per l’eccellenza italiana e per il nostro paese”.

John Elkann e Mattarella

Di forma parallelepipeda e alto 25 metri, il nuovo edificio è in armonia con il paesaggio e gli edifici circostanti. Le facciate esterne e i principali spazi interni dell’e-building sono stati progettati da MCA – Mario Cucinella Architects, in sinergia con il team di Ferrari.

Neutralità tecnologica e qualità dei ricavi 


L’e-building nasce per potenziare la flessibilità produttiva, in linea con la strategia di privilegiare la qualità dei ricavi rispetto alla quantità. Altra scelta filosofica del management, nel contesto di transizione in atto, lo stabilimento è in linea con la politica di ‘neutralità tecnologica’, ospitando produzione e sviluppo dei motori a combustione interna, di quelli ibridi e dei nuovi motori elettrici. Punto focale, rispetto a questi sviluppi, rimane il concetto di continuare a garantire le emozioni di guida tipiche di Ferrari.
L’e-building è una struttura d’avanguardia della tecnologia 4.0,  e dentro il suo perimetro verranno prodotti i componenti elettrici strategici (batteria ad alto voltaggio, assale e motore elettrico).
 Progettato per raggiungere i massimi livelli di prestazione energetica, l’edificio è alimentato – fra altre fonti – da più di 3.000 pannelli solari da 1,3 MW installati sul tetto ed entro la fine dell’anno sarà interamente alimentato da energia rinnovabile e utilizzerà ampiamente sistemi di riutilizzo.

Il presidente della Repubblica con i responsabili dell’area sportiva dell’Endurance, col Cavallino fresco di vittoria alla 24 Ore di Le Mans

Lavoro migliore   

La formazione e il benessere dei lavoratori sono stati prioritari nella progettazione dell’edificio, che ospita uno spazio dedicato alla formazione, con un focus sulle conoscenze relative al motore elettrico, le competenze nell’ambito della chimica e di alcuni processi quali l’assemblaggio delle batterie. Nello stabilimento sono state progettate, inoltre, diverse soluzioni per migliorare il benessere delle persone nell’ambiente di lavoro: postazioni ergonomiche, aree verdi e relax, comfort acustico e visivo con il corretto mix di illuminazione naturale e artificiale sono gli aspetti più valorizzati.

John Elkann con una gruppo di ferraristi in visita

Gli impianti sono dotati di robot collaborativi, che adattano il loro comportamento in base alle esigenze dell’operatore, e di digital twin, che creano una replica digitale di prodotti e processi. Il ruolo dei lavoratori viene così ulteriormente elevato all’interno del processo produttiva.

L’area con tutte le Formula 1 storiche e recenti

 La scelta di vetrate opaline, intervallate da porzioni di vetro trasparente, smaterializza la massa imponente dell’edificio e permette di distribuire in maniera diffusa la luce naturale al suo interno, mentre di notte ricorda una lanterna luminosa.