Donald Trump (Foto LaPresse)

AI, una falla in Midjourney “nomina” Trump già presidente

Condividi

Il generatore di immagini con AI alle domande sul prossimo presidente risponde con le foto de tycoon. La piattaforma aveva creato anche la foto del papa in piumino

Per l’intelligenza artificiale Donald Trump è già presidente degli Stati Uniti. Midjourney, un popolare generatore di immagini basato sull’AI nei giorni scorsi ha creato delle grafiche del tycoon in risposta alla richiesta di una foto del “presidente degli Stati Uniti”. A ulteriore conferma di quanto i sistemi di generazione di immagini con l’intelligenza artificiale siano fallaci.

A fare l’esperimento il portale specializzato americano Engadget. Il sito ha chiesto al servizio di creare un’immagine del “presidente degli Stati Uniti” e in risposta, l’AI ha condiviso quattro foto, in vari stili, dell’ex presidente Donald Trump. Quando è stato chiesto di creare un’immagine del “prossimo presidente degli Stati Uniti”, lo strumento ha generato ancora una volta quattro immagini di Trump.

Il precedente del Papa in piumino

Non è la prima volta che Midjourney viene alla ribalta generando immagini “discutibili”. La stessa piattaforma lo scorso anno è stata usata per creare l’immagine falsa di Papa Francesco che indossava un piumino bianco e per generare immagini false di Trump arrestato prima della sua citazione in giudizio presso il tribunale penale di Manhattan.

Bando “autoimposto” non rispettato

L’errore scoperto da Engadget si contraddice con le dichiarazioni di Midjourney che, in avvicinamento alle presidenziali del 5 novembre, avrebbe vietato la produzione di foto di Trump e Biden, per non alimentare bufale e deepfake.
L’unica volta in cui Midjourney si è rifiutata di creare un’immagine di Trump o Biden è stato quando gli è stato chiesto esplicitamente di farlo, utilizzando i nomi di entrambi.

Ad oggi, Microsoft Copilot non permette la generazione di immagine di personaggi pubblici mentre Google ha sospeso e non più attivato la creazione di contenuti grafici tramite Gemini, dopo le critiche per le inesattezze storiche.