Apple entra come “osservatore” nel Cda di OpenAI

Condividi

Come parte dell’accordo che porterà ChatGpt sugli iPhone, Apple entra nel board di OpenAI. Con un ruolo simile a un rappresentate di Microsoft

Apple mette un piede nel Cda di OpenAI. A segnalarlo Bloomberg, secondo cui Phil Schiller, capo dell’App Store, assumerà la posizione di osservatore nel board della startup, come parte dell’accordo che porterà ChatGpt nel sistema operativo dei prossimi iPhone.

Il ruolo degli osservatori

Il board di OpenAI è attualmente costituito dal presidente Bret Taylor, il co-fondatore Sam Altman, Adam D’Angelo, Sue Desmond-Hellmann, Paul M. Nakasone, Nicole Seligman, ex presidente di Sony Entertainment, Fidji Simo e Larry Summers.
In qualità di osservatore del consiglio, Schiller avrà una posizione informale grazie a cui potrà partecipare e contribuire alle riunioni, ma senza diritto di voto o decisionale.

Oltre ad Apple, OpenAI avrebbe assegnato un posto anche a Microsoft, l’azienda che ha investito nella startup milioni di dollari nel corso degli ultimi anni.
Considerato il rapporto di Microsoft con OpenAI, le future riunioni del consiglio potrebbero riguardare nuovi accordi tra le due organizzazioni, che per l’agenzia americana potrebbero causare tensioni proprio con Apple, vista la presenza di Schiller.