Sconfitta Le Pen, governo rebus. Il voto in Francia sui quotidiani

Condividi

La sconfitta di Le Pen, rebus governo e l’attacco a Macron. La stampa italiana racconta l’esito del voto in Francia

Protagonita (quasi assoluto) delle prime pagine in edicola oggi è l’esito delle elezioni francesi che, non senza sorpresa, hanno visto la vittoria della sinistra del Nuovo Fronte Popolare davanti alla coalizione del presidente Macron, con l’estrema destra del Rassemblement National di Marine Le Pen al terzo posto.
Una attenzione, quella dedicata al voto francese, che ha ottenuto ben più spazio rispetto alle elezioni inglesi del 4 luglio – alle quali solo alcuni giornali avevano dedicato i titoli principali – e che
va probabilmente ricercata anche nelle “simpatie” di cui Le Pen gode in alcune file della politica italiana.

Entrando nel dettaglio, la scelta di alcune testate è stata quella di costruire i loro titoli sulla sconfitta di Le Pen, mentre altri hanno voluto sottolineare anche lo stallo politico in cui si trova ora il paese, mancando i numeri per arrivare a un governo senza la creazione di alleanze.

Chi cita Le Pen

‘Francia a sinistra, battuta Le Pen’ scrive il Corriere della Sera, che in occhiello e sommario, riassume l’aspetto dell’ingovernabilità del Paese, con le rivendicazioni del vincitore Jean-Luc Mélenchon.
‘Vince il fronte anti-Le Pen’ titola il Messaggero; ‘Respinta Le Pen, caos francese’ scrive la Stampa.

Per Il Fatto Quotidiano e il Domani la scelta è stata di riassumere nel titolo più aspetti. Agli elementi comuni rappresentati dalla vittoria della sinistra e la sconfitta di Le Pen, il quotidiano diretto da Emiliano Fittipaldi affianca la possibilià di “battere” la destra, mentre il Fatto guarda all’ingovernabilità.

Chi non cita Le Pen

Tra chi non cita Le Pen, ‘Rivoluzione Francese’ scrive Repubblica dando nel sommario una sintesi dell’estito delle urne, ma soprattutto molto spazio grafico alla posizione della leader del Pd, Elly Schlein: “uniti si batte la destra. Meloni è più sola in Europa”.
‘Ribaltone della Francia’ titola il Mattino, inserendo nel sommario tutti i temi caldi dell’elezione.
‘Francia alla sinistra, ma è rebus-governo’ scrive ‘Il Resto del Carlino’.
‘Francia Corta’ titola Il Tempo, con un collage dei tre protagonisti del voto con un calice di vino in mano. Nel sommario dito puntato su Macron che “pur di fermare Le Pen” “consegna la Francia all’estrema sinistra”. Il quotidiano ha sintetizzato anche alcune posizioni di Mélenchon con un “governo filo Putin e anti Nato”.

L’attacco a Macron

Il Giornale, oltre a Le Pen, cita Macron definendolo “prigioniero”, mettendo in risalto nel sommario il rebus governativo, con “il rischio di un governo impossibile”.
‘L’accozzaglia di Macron ce l’ha fatta: la Francia ostaggio del rosso Mélenchon’ scrive la Verità, ricordando per il governo del paese la necessità di “fare patti con l’estremista”.
‘Che bordel…’ il titolo di Libero, con una foto di Macron che saluta, tacciato di aver “gettato il paese nel caos”, mentre Mélenchon chiede il governo e “riforme economiche da centro sociale”.